birdman, gli oscar non sbagliano mai, Alejandro González Iñárritu stravince la statuetta

Credo che sia chiaro ormai a tutte voi quanto io ami il cinema. Amo tutto il cinema indiscriminatamente, scelleratamente, insensatamente, adoro la commedia scoppiettante come il polpettone intellettuale, il cinema surrealista, i film vecchi e barbosi, il cinema tedesco degli anni '30, i film di supereroi.
Qualche giorno fa sono andata a vedere Birdman, senza saperne nulla se non che aveva vinto un po' di Oscar e premi vari e che il regista era quello dal nome strano che aveva fatto 21 grammi.
Birdman mi è piaciuto tantissimo. Ma proprio tantissimo.

MA CHE RAZZA DI FILM E' BIRDMAN?


Birdman o (L'imprevedibile virtù dell'ignoranza) (Birdman or (The Unexpected Virtue of Ignorance)) è un film del 2014 co-scritto, diretto e co-prodotto da Alejandro González Iñárritu e interpretato da Michael Keaton, Zach Galifianakis, Emma Stone e Edward Norton.
Il film, che il 27 agosto 2014 ha aperto la 71ª edizione della Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia, ha ricevuto ben nove nomination agli Oscar 2015, vincendo quattro Premi Oscar per miglior film, miglior regia, miglior sceneggiatura originale e miglior fotografia.
il cast  di Birdman e il regista Gonzàles Inàrritu al festival di Venezia

E' stato girato completamente a New York all'interno del Teatro Saint-James e nei Kaufman Astoria Studios in soli 30 giorni, ed è girato tutto in un'unico piano sequenza. Negli Stati uniti è stato vieteto ai minori di anni 16 per espliciti riferimenti sessuali e turpiloquio.(...)
Rotten Tomato  il celebre sito di critica cinematografica che stila classifiche a nastro basate sulla media delle recensioni complessive della critica mondiale e delle preferenze del pubblico  ha dato a Birdman il 93% per la critica e l'83% per il tasso di gradimento dell'audience, e scusate se è poco.

BIRDMAN IN BREVE


La storia per farla in breve è quella del protagonista, attore celebre anni prima per aver impersonato un  supereroe in tre film, Birdman appunto, cerca il riscatto a Brodway con la pièce teatrale di Raymond Carver Cosa parliamo quando parliamo di amore.
Ma non sembra essere così semplice: ossessionato dal suo personaggio/alterego Birdman che gli sussurra di continuo nell'orecchio, alle prese con una ex moglie e con una figlia problematica, Emma Stone, con trascorsi di abusi di sostanze stupefacenti. Le cosa si complicano con l'entrata in scena di   Mike Shiner,    impersonato da Edward Norton, attore dall'indiscusso talento ma con la propensione ad alzare il gomito e ai colpi di testa.
Isomma sembra proprio che il sogno di riuscire a uscire dallo stereotipo hollywoodiano di attore in costume che fa film idioti che fanno cassetta sia destrinato a fallire, osteggiato dalla critica e dagli eventi.
Non vi spoilero l'epilogo perchè dovete assolutamente vedere Birdman.
C'e molta carne al fuoco in questo film, direi che il fulcro gira tutto sulla necessità di vedere se stessi in base alla valutazione che gli altri danno di noi. Conta quello che la critica pensa di noi, il pubblico, addirittura il web, senza il plauso del mondo sembra che siamo ben poca cosa. E nella continua ricerca di questo plauso ci dimentichiamo di chi invece ci vive vicino e ci apprezza per davvero.
Sono temi che nell'era di Fb e instagram sono all'ordine del giorno, e il regista ce ne parla in maniera intelligente e da un'angolazione non scontata, parlando si del tentativo di riscatto di un vecchio attore che non ha neanche un profilo facebook, ma parla anche un pò di tuttti noi, che non riusciamo a stare al passo con un mondo che cambia troppo in fretta.
La regia è sicuramente sopra le righe, il dialogo serrato, le battute si susseguono senza darci tregua, e gli attori assecondano con maestria il gioco di emozioni in cui il regista ci travolge.
Se potete guardatelo e ditemi cosa ne pensate.





                                                   



Vi lascio il trailer ufficiale



Etichette: , , , , , ,