Pensieri random per l'inizio del nuovo anno



the wall the movie
Un nuovo anno è cominciato, e io mi sento da un lato più vecchia e più stanca, ma nello stesso tempo più forte e determinata. So che sembra una contraddizione in termini, ma in realtà è proprio questa mia consapevolezza di essere stanca che mi fa capire che devo focalizzarmi solo su quello che davvero importa, che davvero merita, e non sprecare energie, che non ho più, in cose e persone che mi portano solo in vicoli ciechi. E questo vale in amore, in amicizia e anche nel lavoro.
E' un percorso che faticosamente ho intrapreso già nel 2015, quasi inconsapevolmente, e che mi si è chiarito negli ultimi mesi.

Seri problemi di salute mi hanno quasi messa in ginocchio, e uscirne fuori psicologicamente è stato difficile. Ho sempre combattuto con un corpo che non funziona, ho subito in giovane età due importanti interventi alla schiena per scoliosi aggravata, e un anno e mezzo fa mi è stata diagnosticata una coxoartrosi bilaterale alle anche, che mi porterà sicuramente a nuovi interventi non risolutivi e a un fuori e dentro gli ospedali a vita. Per non parlare del fatto che spesso sono costretta a letto e praticamente dipendente da antidolorifici. Non mi sto lagnando, ognuno ha la sua croce e c'è chi ha problemi più gravi dei miei, era solo per spiegare perchè non ho forze e tempo da perdere. Finchè sto ancora in piedi sulle mie gambe voglio fare tutto quello che posso per realizzare i miei progetti.

Vorrei che questo blog continuasse a crescere, voglio impegnarmi a dare sempre il meglio in queste pagine, essere utile a chi mi legge, a crescere io come blogger, imparare sempre più su questo mondo fantastico che è quello della moda, nei  confronti del quale mi sento così piccola e insignificante. Se penso a quanta creatività sta dietro la costruzione di alcune collezioni, di alcuni abiti, il lavoro di ingegno e creatività, per non parlare del significato storico e sociologico che ha segnato i decenni della moda, l'influenza sul cinema,sul design e  sui costumi.


faye Dunaway in Bonnie and Clyde

marlene dietrich in l'angelo azzurro

come sposare un milionario

tippi hedren in Uccelli

art deco fashion and design
 La moda è ovunque, si annida in ogni angolo del nostro vivere e noi spesso ne siamo incoscienti, anzi alcuni di noi credono di esserne estranei, ma nessuno lo è.

La moda ci influenza tutti direttamente o indirettamente, parla di noi, parla per noi.
mery streep in devils wear prada

C'è talmente tanto da sapere che mi sento smarrita, inutile, piccolissima, ma nello stesso tempo affamata e eccitata, come quando a 10 anni andavo in centro con mia mamma e mia sorella, o sfogliavo le pagine Grazia a casa di mia nonna.

Auguro a me stessa e a voi un emozionante 2016, in cui dobbiamo volere più bene a noi stesse, perchè siamo l'unica cosa che abbiamo, e volere bene a chi ci è vicino da sempre o da poco, ma lo è davvero.

Etichette: , ,