Il caso Spotlight (ovvero il giornalismo che ci piace)




Il caso Spotlight è un film co-scritto e diretto da Tom McCarthy, e ha appena giustamente vinto l'Oscar 2016 come miglior film e miglior sceneggiatura originale. Gli attori principali sono Mark Ruffalo, Rachel McAdams, Michael Keaton, John Slattery,Liev Schreiber, Stanley Tucci.
Il film racconta in maniera asciutta e diretta l'inchiesta della sezione Spotlight del Boston Globe nel 2003 che portò alla luce più di 80 casi di predi pedofili. Durante le indagini, scavando a fondo, i giornalisti si accorgono che l'arcidiocesi, e anche alcuni personaggi di rilievo della città sapevano tutto; si era come creato uno schema, un sistema, che funzionava in modo che dopo una denuncia della famiglia di un bimbo molestato, gli avvocati organizzassero un accordo privato con un risarcimento alla famiglia, e il prete veniva spostato o messo in 'congedo malattia'. Non arrivava mai nulla in un'aula di tribunale. E questo andava avanti fin dalla fine degli anni '60.
Tom McCarthy e Josh Singer terminano la sceneggiatura nel giugno 2013 e viene inserito nella black listdelle sceneggiature più apprezzate ma non ancora prodotte del 2013.Le riprese del film iniziano il 24 settembre 2014 a Boston e continuano in ottobre a Hamilton, in Canada. Altre riprese vengono effettuate al Fenway Park, negli uffici del The Boston Globe a Dorchester, alla Boston Public Library e all'Università McMaster di Hamilton.
Il film ha visto molti premi e molti riconoscimenti, e Rotten Tomatoes gli affibbia un bel 93 su 100 come voto, che io condivido appieno.
La storia è di per sè sconvolgente, ma l'aspetto del film che mi è maggiormente balzato all'attenzione è stato il lavoro di inchiesta da parte dei giornalisti del Boston Globe. Scavano a fondo, a volte anche mettendo a rischio la loro stessa posizione all'interno della società, rischiando la loro credibilità, ma indagano, interrogano, scovano prove seppellite, senza un attimo di tregua.
Perché ormai noi qui in Italia abbiamo completamente dimenticato cosa è il vero giornalismo, non è il ripetere a pappagallo qualche comunicato stampa, è l'accurata ricerca della verità, la verifica dell'esattezza delle fonti, la correttezza dei dati, per dare alla gente qualcosa che diversamente non potrebbe mai avere. La stampa dovrebbe essere quell'organo libero che dice quello che la politica non può dire, e che fa quello che gli organi di polizia a volte non possono, I giornalisti dovrebbero andare al nocciolo di quelle questioni che vengono insabbiate  di proposito, dovrebbe portare alla gente la Verità, senza censure o veti. 





Etichette: , , ,